DA DOVE VENGO IO - CENT'ANNI vol.1

sabato 30 agosto 2008

Pagine, chilometri e montagne di arretrati: l'estate sta finendo


I Righeira, a risentirli di questi tempi, calzano a pennello.
Nonostante il caldo africano, l'estate sta finendo davvero, il che comporta anche la fine delle (troppo brevi) ferie.
Un anno se ne va è presto per dirlo; ci sono ancora un mare di cose da fare prima che cali il sipario sul 2008. Certo è che settembre è vicino (troppo vicino) e un nuovo marasma di impegni si affaccia alla finestra (scuola, duemila lavori: alcuni in scadenza, altri appena cominciati).
Sto diventando grande / lo sai che non mi va è una strofa che va bene solo per il mio girovita.
Per il resto, non è che accusi più di tanto il passare del tempo.
Messo da parte l'Ipod con la musica vintage, veniamo a noi per il classico riassunto post vacanziero.
Tornati domenica sera dopo un'incantevole settimana in Romagna. Tornati in "sole" sei ore e mezzo, percorrendo statali, smadonnando contro le code, evitando incidenti. Insomma, il classico viaggio della speranza dell'ultima settimana d'agosto.
Trasbordi a parte, la vacanza è stata davvero superlativa: ottimo cibo, inattività assoluta, bagni di mare e d'ombra (un po' di sole l'ho preso, ma è un effetto collaterale della lettura da ombrellone...), grandi letture.
Due libri su tutti: MOSTRI PER LE MASSE di Nino D'Attis e AL DIAVUL di Alessandro Bertante.
Del libro di Nino parlerò prossimamente. Un po' perchè l'analisi richiede tempo, un po' perchè è inutile che ve la meni adesso se prima del 10 settembre non sarà in libreria.
Veniamo al romanzo di Alessandro: ogni anno mi capita di leggere un libro ed invidiare chi l'ha scritto. L'anno scorso era successo con LA STRATEGIA DELL'ARIETE.
Quest'anno con AL DIAVUL.
Un avventura meravigliosa, l'epopea di un fabbro anarchico alessandrino da Montecastello alla Guerra Civile Spagnola.
Non provavo brividi del genere dalla lettura di Q o de IL PENDOLO DI FOUCAULT.
Quando si tirano in ballo la mia terra e la mia lingua, e lo si fa così bene, l'effetto è d'amore incondizionato. A prima vista.
L'ho divorato in un giorno.
Senza dubbio il miglior romanzo New Italian Epic uscito di recente.
Un grazie di cuore al suo autore per queste pagine.
Altre letture random: PREVISIONI DEL TEMPO DI WU MING (molto bello, molto cattivo), IL MONDO SENZA DI NOI di Weisman (un saggio di divulgazione scientifica che si fa un'idea di come sarebbe il mondo dopo la scomparsa della razza umana. Strepitosamente apocalittico)
In chiusura, lo stato dell'arte in casa Sarasso: c'è fermento, molto fermento. Le attività si accavallano, di questi tempi ho la sensazione di esagerare.
UWS subirà un piccolo ritardo: il nuovo numero non sarà online lunedì. Vi toccherà aspettare qualche settimana, ma credetemi: ne varrà la pena.
SETTANTA procede lento ma inesorabile. Manca davvero poco, ma gli ultimi metri sono i più faticosi.
JAST sta entrando nella sua fase finale. Mezzo capitolo, un giro di revisioni e sarà pronto per l'editor.
IL NUOVO PROGETTO di cui vorrei tanto parlarvi, purtroppo, è segreto. Il contratto mi vincola al silenzio, il che mi dispiace perchè conoscete la mia abitudine a condividere il lavoro coi lettori.
Posso dirvi solo di tener dritte le antenne, di scandagliare i media in cerca di indizi. E di aver pazienza.
Se continuiamo a lavorare a questi ritmi, il nuovo anno si aprirà all'insegna di qualcosa di fenomenale.
Per ora mi pare tutto.
Torno a rituffarmi nel marasma.
Buona ripresa.

11 commenti:

baba ha detto...

OT: solo ora mi rendo conto di quanto fossero ORRENDI i righeira!

dioniso ha detto...

Bentornato!

Il prossimo di UWS sarà il quarto?

Grazie per i consigli.

Buona domenica!

Nyk ha detto...

Bentornato!!! Apri la posta stasera che ti ritroverai una "piccola" proposta per UWS...

Simone Sarasso ha detto...

@baba: poveri Righeira... e dire che all'epoca erano più o meno dei sex symbol...
@Dioniso: Il prossimo UWS sarà il quarto, esatto. Uscirà con qualche settimana di ritardo, bisognerà aver pazienza. Le ferie ci hanno un po' mozzato le gambe...;-)
Buona domenica anche a te.
@Nyk: Non vedo l'ora. Attendo con gola la tua proposta!

Achille Maccapani ha detto...

Grande Simone!
Ho divorato il tuo "Confine", subito dopo "54", ed è stato utile notare i collegamenti di un tutt'uno, di un disegno globale che si univa con "Ishmael", altra lettura rimasta nel mio cuore.
So di essere un pazzo, ma avevo già la precedente edizione di "Confine", edita da Effequ (ordinata per posta!); però ho preso anche quella di Marsilio, consapevole di vivere una fase significativa della nuova narrativa italiana.
Tutto questo, ovviamente, in attesa anche di "Blood's a Rover" del sommo.

Simone Sarasso ha detto...

@Achille: caro Achille, ti ringrazio moltissimo per l'affetto, le splendide parole e gli immeritati illustri paragoni che riservi per il mio libello.
Grazie di cuore, davvero.
Altro che matto, tu sei il lettore che tutti gli scrittori sognano...;-)

Steve ha detto...

Anche per quel che mi riguarda, controlla la posta e poi chiama Frankie...
See ya!

estrellaroja ha detto...

Condivido in pieno l'entusiasmo per "Al Diavul", anche se Bertante pare non essere convintissimo della definizione di N.I.E.

Per il resto.. dacci dentro Simone, che noi siamo ansiosi di avere altri "libelli" tuoi da leggere! ;-)

Simone Sarasso ha detto...

@Estrellaroja: non appena esco dal tunnel gastrointestinale faccio una tirata come si deve e vedo di arrivare in fondo a Settanta. Promesso.

alessandro bertante ha detto...

caro simone,
sei troppo buono
ma mi fai felice
tu ed estrallaroja, più tutti gli altri interessati ovviamente
siete invitati a Milano il 25 ottobre all'informagiovani di via dogana (ore 18,30) a sentire Wu Ming 1 parlare del NIE 2 (da poco scaricabile sul loro sito).
Oltre a Bui, ci saremo io, genna, biondillo credo e tucc,
saluti
Alessandro Bertante

Simone Sarasso ha detto...

@Alessandro: Ale, farò i salti mortali per esserci, promesso!