DA DOVE VENGO IO - CENT'ANNI vol.1

giovedì 22 dicembre 2011

LIBERTA', un ebook natalizio firmato MilanoNera


Vi sono avanzati 80 centesimi dai regali di Natale? Allora acchiappatevi QUESTO!
Si chiama LIBERTA' come quello di Franzen, ma fa venire la lacrimuccia.
Non vi sono avanzati nemmeno 80 centesimi? Passate pure di qua per cena: un posto c'è sempre...

Gioiose Fette (come dicono i francesi...)

venerdì 16 dicembre 2011

Prinz Lusky è tornato: la miglior recensione di SETTANTA di tutti i tempi

Eccola, senza tanti preamboli.
Occhio che CONTIENE SPOILER e, se la leggete in ufficio tentando di trattenere le risa, finite ribaltati dalle convulsioni.
Io vi ho avvisato...

martedì 6 dicembre 2011

Quattro libri e tre tempi

Quattro recensioni che sono una. Su Carmilla, ça va sans dire...

lunedì 21 novembre 2011

UNA TORRE DI LIBRI - SUPPLEMENTO 1.0 - 2/4 DICEMBRE 2011


Cari amici vicini e meno vicini,
l'autunno è arrivato a morderci le chiappe: nebbia e gelo mettono in ginocchio i week-end, le castagne sfrigolano sul fuoco, nell'aria c'è una gran voglia di VOV... Insomma, è tempo di festival letterari.
Questi mesi carogna sono riscaldati da un paio di appuntamenti coi fiocchi: Scrittorincittà appena concluso e il Noir Fest (alle porte), tanto per dire. Ma tra uno e l'altro che si fa? Si rimane in soggiorno a disegnare cuoricini sulla condensa? Neanche per sogno.
Dal 2 al 4 dicembre, a Torre Pellice (TO) si fa sul serio. La versione invernale di UNA TORRE DI LIBRI ( il festival letterario più lungo d'Italia: cinque week-end + 1 extra. Quasi un mese e mezzo di baldoria ininterrotta!) è ai blocchi di partenza.
Ospiti come si deve, buona musica e ottimo cibo.
Io sarò su da sabato e si farà festa con Giorgio Faletti, Gianni Biondillo, Luca Crovi, Ilmionomenonhaimportanza (che presenta in anteprima il nuovo album), Bunna degli Africa Unite, Benjamin Zephainah. Qui trovate il programma completo.
Cliccando il banner potete collegarvi al sito con tutte le info.
Vi attendiamo numerosi: we'll party hard, folks.

giovedì 20 ottobre 2011

Simone Sarasso OFFICIAL STORE e la maglietta del centenario

Pensavate mi fossi dimenticato della tanto attesa MAGLIETTA DEL CENTENARIO, eh?
E invece no! Eccola in tutto il suo splendore: THE OFFICIAL 100 OF SPADES TOUR (2007-2011) T-SHIRT, con tanto di 100 di picche sul fronte ed elenco in stile Motorhead delle 100 date sul retro.
Cento date in quattro anni, siore e siori. Un sacco di chilometri, una buona ragione per festeggiare.
Sabato lo faremo come si deve a Volpiano, nell'ambito del Festival LUOGHI DELLE PAROLE. Sarò sul palco insieme a un po' di amici: Paolo Roversi, Enrico Pandiani e Davide Ferraris.
Per l'occasione ho partorito la speciale T-SHIRT celebrativa e ho aperto uno shop sul canale spreadshirt, dove i veri appassionati potranno finalmente procurarsi l'official merchandising del vostro scrittore over 100 preferito.
Non aspettatevi action figures e serigrafie numerate, eh!
Per il momento ci sono giusto un po' di magliette coi controfiocchi, in versione DUDE o CHICK.
L'idea mi frullava in testa da un po' e il catalogo è destinato a crescere. Di solito, per celebrare l'uscita di un nuovo libro, creo sempre una t-shirt ad hoc.
E alle presentazioni c'è sempre qualcuno che mi dice: LA VOGLIO! DOVE SI COMPRA?!?
Fino a ieri il mio inutile BOH?!? aleggiava nell'aria dopo ogni festosa domanda.
Ma da oggi ogni fan che si rispetti ha finalmente diritto alla sua T-SHIRT preferita, che diavolo!
Che state aspettando? Correte al dannato OFFICIAL STORE!
Buoni acquisti, gente!




mercoledì 19 ottobre 2011

martedì 27 settembre 2011

Corso di Booktrailer

La Fondazione Mondadori organizza per la prima volta un corso su “Booktrailer e Nuovi Media” da novembre a fine anno con una giornata-evento conclusiva il 12 dicembre, che vedrà la partecipazione di importanti scrittori e sarà aperta al pubblico.

Il corso è destinato ai maggiori di 18 anni che vogliano cimentarsi nella scrittura e nella lavorazione di un booktrailer, breve video promozionale della durata di un paio di minuti che traduce un libro in immagini come accade nei videoclip per le canzoni.


Corso su Booktrailer e Nuovi Media

Il corso, tenuto da Gaia De Pascale (consulente editoriale esperta di booktrailer), Annarita Briganti (giornalista esperta di booktrailer), Simone Sarasso (scrittore e sceneggiatore), Daniele Rudoni (illustratore) e dai registi Monica Mazzitelli e Gianfranco Grenar, si svolgerà a Milano presso la sede della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori in Via Riccione 8 per un totale di 50 ore.

La prima parte del corso “Dal Book al Booktrailer” sarà teorico-introduttiva (8 ore), per chi fosse interessato sarà possibile partecipare a questo unico incontro.

Offrirà una panoramica delle nuove modalità di comunicazione editoriale, tra libri di carta e opportunità della rete e di strumenti quali iPhone e iPad, con uno sguardo sia all’Italia sia al mondo culturale internazionale.

Alla fine delle 8 ore è prevista un’esercitazione pratica di “Scrittura creativa per immagini”.

La seconda parte “Sul Booktrailer” (38 ore di lezione più 4 ore della giornata-evento finale) fornirà ai partecipanti le informazioni e i mezzi per tradurre un libro nel suo filmato promozionale, il booktrailer.

In aula si parlerà di come scrivere una sceneggiatura, filmare e montare un video, quali software usare, quanto costa produrlo, dove diffonderlo e gli sbocchi lavorativi per chi volesse farne un mestiere. In più saranno proiettati numerosi esempi di booktrailer.

Alla conclusione gli studenti, sotto la guida dei docenti, saranno chiamati a produrre in piccoli gruppi un loro booktrailer.

I lavori del corso saranno mostrati al pubblico nell’evento finale del 12 dicembre. Due scrittori incontreranno i partecipanti, discuteranno con loro di Booktrailer e Nuovi media e premieranno il video migliore.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito della Fondazione Mondadori:

www.fondazionemondadori.it.

martedì 20 settembre 2011

Doppio misto per Carmilla

Doppia recensione delle mie letture estive per Carmilla, qui.
Enjoy!

venerdì 26 agosto 2011

Sarasso vs Biondillo: un'intervista in esclusiva per WUZ

Cari amici vicini e lontani,
le ferie son terminate e son già tornato in pista. In questi giorni di caldo senza senso ho avuto il piacere di intervistare il mio amico Gianni Biondillo e parlare del suo ultimo romanzo con protagonista l'ispettore Ferraro, I MATERIALI DEL KILLER (in libreria da ieri).
L'intervista (realizzata in esclusiva per WUZ) la trovate qui.
Buona lettura.

giovedì 28 luglio 2011

Ferie alle porte: consigli di lettura e qualche sorpresa

Care amiche e gentili amici,
quasi non ci si crede ma le tanto agognate vacanze, finalmente, stanno per arrivare. Dopo due anni di lavoro ininterrotto ed epocali rivoluzioni (la più influente l'ha portata il giovane individuo noto come Mister A.) il vostro scrittore over 100 preferito sta per tirare giù la serranda e chiudere bottega fino a settembre.
Mercoledì infatti, dopo aver adeguatamente nutrito l'erede e caricato la rombante Sarasso Mobile (dopo la modifica al bagagliaio assomiglia più a una sfiziosa villetta a tre piani che a un'automobile) l'allegra famigliola prenderà il largo verso Oriente, per trascorrere qualche settimana di autentica nullafacenza in una località segreta, la cui ubicazione risulta sconosciuta persino agli informatissimi mastini dei Servizi.
Come da tradizione, però, prima della partenza è d'uopo dedicare alcune righe ai consueti consigli per le letture estive.
In questo periodo ho letto davvero moltissimo (a proposito: devo ricordarmi di aggiornare la mia pagina anobii, mannaggia...) e mi sono capitati sotto i denti titoli veramente gustosi. Tra una lettura e l'altra non ho mai smesso di guardarmi intorno ed annusare l'aria in cerca di qualche romanzo interessante. Ho addirittura stilato una wish-list che, non appena il mio conto in banca avrà metabolizzato la spesa per il faraonico bagagliaio per trasportare nella località top-secret tutti i preziosi ammennicoli da intrattenimento di Mister A., si traformerà in una golosa pletora di nuovi volumi da riporre in libreria.
Ma andiamo con ordine. Senza dimenticarci delle sorprese strombazzate dal titolo del post, per carità...
Alcune settimane fa sono stato ospite (per presentare CONFINE DI STATO e SETTANTA) d'una splendida libreria torinese che ha da poco aperto i battenti. Il posticino delizioso, sito in Via Romani 0/A si chiama L'ibrida bottega (date un'occhiata al sito, rimarrete folgorati). I suoi proprietari, oltre a organizzare roboanti presentazioni (c'era una quarantina di persone ad ascoltare il sottoscritto che cianciava - magistralmente introdotto dalla dottoressa Marta Forno - di due libri usciti ormai quattro e due anni or sono, tanto per rendere l'idea...), chiedono anche ai loro ospiti di stilare una personalissima classifica dei propri libri della vita. Dieci titoli che hanno significato qualcosa per il tizio (o la tizia) che ha appena finito di raccontare il proprio romanzo. Quei dieci volumi rimangono in bella vista per un mese intero, a disposizione dei clienti che hanno apprezzato gli scritti dell'"ostinato lettore" in questione (e di tutti gli altri, passanti, ça va sans dire...).
Rullo di tamburi: tadaààààà!
Ecco la mia lista (qui accanto potete rimirare una bella fotografia dei Magnifici Dieci):

D. Winslow, IL POTERE DEL CANE
M. Brooks, WORLD WAR Z
D. Longo, L'UOMO VERTICALE
G. De Cataldo, ROMANZO CRIMINALE
J. Ellroy, AMERICAN TABLOID
U. Eco, IL PENDOLO DI FOUCAULT
L. Blisset, Q
A. Pennacchi, CANALE MUSSOLINI
V. Evangelisti, NOI SAREMO TUTTO
A. Moore - D. Gibbons, WATCHMEN.


Questi, per quanto mi riguarda, sono gli imperdibili, ma probabilmente buona parte di voi li avrà già letti e riletti, dunque come lista di consigli non vale una cicca.
Meglio passare a letture fresche, così da segnalarvi qualcosa di saporito da sgranocchiare sotto l'ombrellone.
Di recente sono stato ancora ospite del festival UNA TORRE DI LIBRI (cliccate il banner sotto gli header per saperne di più) e in quel di Torre Pellice ho avuto il piacere di presentare il duo di giallisti storici Michael Gregorio. Micheal Gregorio è un nome di fantasia dietro al quale si celano Micheal Jacob e Daniela De Gregorio: coppia nella vita e nell'arte, insegnanti in pensione tutt'e due (d'Inglese lui, di Filosofia lei), hanno al loro attivo diversi titoli. Scrivono in inglese e hanno un grandissimo successo all'estero. In Italia sono pubblicati da Einaudi. La loro serie più popolare è ambientata nella Prussia di inizio Ottocento, all'epoca delle guerre napoleoniche. Ha come protagonista il procuratore Hanno Stiffeniis, indagatore del male ed ex allievo del Professor Immanuel Kant. A tutt'oggi nel nostro Paese sono usciti solo i primi tre titoli della serie "kantiana" (CRITICA DELLA RAGION CRIMINALE, I GIORNI DELL'ESPIAZIONE e LUMINOSA TENEBRA). Il quarto, UNHOLY AWAKENING, è in corso di traduzione.
Sono libri straordinari: si inizia a leggerli come semplici gialli e ci si ritrova immersi in un mondo di nefandezze, teste mozzate, fango e turpitudine indicibile. Sono romanzi da leggere con i sensi all'erta e le narici spalancate: sfogliandoli avvertirete il gelo di Königsberg, il puzzo delle calli merdose di Lotingen, lo splendido fulgore dell'ambra del Baltico. Volumi di grande caratura storica, sapidi come una seratina piccante al Grand Guignol. Vi rinfrescheranno l'estate, date retta.
E a proposito di romanzi storici di un certo livello, sarei un matto se non vi segnalassi NEW YORK di Edward Rutherford. Lo sto leggendo in questi giorni ed è una goduria autentica. La struttura narrativa è semplicissima: Rutherford intreccia le storie di alcune famiglie (su tutte spicca il ceppo inglese dei Master) che hanno preso parte alla costruzione della città più bella del mondo alle vicende di cui la Grande Mela è stata protagonista negli ultimi quattro secoli. Da quando ancora i coloni olandesi la chiamavano New Amsterdam fino alle Torri Gemelle.
Peccato che questo libro mi sia capitato per le mani così tardi. Se l'avessi letto prima si sarebbe sicuramente guadagnato un posto di diritto tra i Magnifici Dieci. Avvertimento per i timorosi: non fatevi spaventare dalle mille e passa pagine: volano in un lampo!
Rutherford è bravissimo e la sua forza è quella di spiegarvi dolcemente cosa è successo e perché, come un buon professore di Storia. Se invece però siete utenti esperti e preferite qualche cosa di più hard-core, Hilary Mantel è la tipa che fa per voi: il suo WOLF HALL è un viaggio rovente dall'esofago al buco del culo dell'epoca Tudor. Una furibonda cavalcata (dove l'ho già sentita questa?) attraverso un'epoca dura come il ferro, in mezzo a ubriaconi, nobilastri, porti e puttane (più o meno di buona famiglia). La forza della Mantel, che le è valsa anche il prestigioso Booker Prize 2009, è proprio quella di non spiegare un bel niente: quella ragazzaccia vi acchiappa per il collo e vi trascina a fondo, nel cuore pulsante di Madama Storia.
E qui si chiude la sezione "provati per voi".
Tutti i titoli di cui ho parlato finora sono stati regolarmente testati e mi sento di garantire per loro.
Adesso arriva la parte più succulenta, quella dei consigli a scatola chiusa. Una bella sfilza di libri che fa bella mostra di sè sul mio scaffale e che mi seguirà senza dubbio in vacanza ma che non ho ancora avuto il piacere di sfogliare.
A seguire, un'altra bella sfilza di titoli che desidero pazzamente ma che non ho ancora avuto occasione di accaparrarmi.

Sulla fiducia potreste leggere:

N. Vallorani, LE MADRI CATTIVE
A. Mari, TROPPO UMANA SPERANZA
J. Jones, STORIA DELLA TOUR EIFFEL
P. Fogli - F. Pinotti, NON VOGLIO IL SILENZIO
C. Gallo - G. Bonomi, EMILIO SALGARI, LA MACCHINA DEI SOGNI
D. Hajdu, MALEDETTI FUMETTI

Potreste invece desiderare ardentemente di acquistare:

P. Ferrero, ANIME IN CARPIONE
K. Richards, LIFE
T. Pynchon, VIZIO DI FORMA (pare che sia fichissimo!)
T. Avoledo - Boosta, UN BUON POSTO PER MORIRE
E. Nesi, STORIA DELLA MIA GENTE
M. Brooks, ZOMBIE STORY E ALTRI RACCONTI
T. Dicillo, WHEN YOU ARE STRANGE
A. Agassi, OPEN

E con questo è davvero tutto, gente.
Prima di chiudere, l'ultima delle sorprese promesse in apertura.
Come sapete, da quando questo blog è stato inaugurato, sono stato parecchio in giro. Ho attreversato lo Stivale in lungo e in largo per conoscere voi lettori. Spesso è capitato di oltrepassare i confini nazionali e un paio di volte mi è persino toccata la fortuna di attraversare l'Oceano per venire a stringervi. Insomma, se mi guardo indietro i chilometri sono tanti. E tante le volte che mi sono trovato davanti a un microfono a parlar di libri.
99 per l'esattezza.
La prossima data sarà la numero 100.
E, per festeggiarla degnamente, da queste parti si sta lavorando sodo. Come potrete immaginare, non è un lavoro per un uomo solo, dunque ci sono due ottimi amici a darmi un mano nell'impresa: Davide Ruffinengo a.k.a Il Libraio Itinerante e Davide Ferraris, also known as Mr. Libreria Therese.
Insieme stiamo preparando una bella serata per celebrare degnamente.
Non possiamo rivelarvi nulla per il momento. Possiamo solo dirvi di tenere d'occhio queste frequenze e drizzare le antenne verso ottobre.
Saremo più precisi al ritorno dalle ferie.
Vista la peculiarità dell'evento, fino alla fatidica serata non potrò accettare altre date, sono certo che capirete.
Godetevi le vacanze e trattenete il fiato.
Ci si rivede a settembre!

domenica 3 luglio 2011

Che diavolo hai combinato negli ultimi tre mesi?

La domanda è più che legittima, amiche e amici.
E finalmente posso darvi una risposta articolata in più di sette sillabe, che non assomigli a un post-it giallino con la scritta POI VI SPIEGO.
Ma andiamo con ordine, che roba da raccontare ce n'è un bel po': tocca partire dal luglio scorso, praticamente un anno fa. All'epoca vengo a sapere che Rizzoli sta per varare una collana di romanzi storici di ambientazione imperiale. Me lo racconta il mio agente mentre discutiamo del più e del meno, durante uno dei nostri incontri mensili.
Strabuzzo gli occhi: "Come faccio ad entrarci?"
L'idea di scrivere qualcosa di molto crudo ambientato tra centurioni, loriche e gladii mi ronza in testa da tempo, più o meno da quando lessi 300 di Miller. Però fino a quel momento non c'è stata occasione di concepire un plot e mettere in fila le idee.
"Come faccio a entrarci?", lo incalzo forsennato.
Quello ci pensa un po' su, si gratta la barba rada e alla fine mi dice: "Scrivi una sinossi e un capitolo di prova. E vediamo che ci dicono..."
Passa qualche settimana, è appena iniziato agosto 2010: io e la mia signora in dolce attesa siamo bloccati in città perché la sua ginecologa le ha vivamente sconsigliato di no muoversi: "Se ti strapazzi, il pupo potrebbe nascere anzitempo!"
A pensarci adesso, valeva la pena di andare a piedi a Timbuctu: Albertino ha tardato dieci giorni e l'han dovuto convincere per uscire (fosse stato per lui, era ancora là...)
In ogni modo, non c'è via di scampo: siam solo noi due, la città deserta e bollente e una storia imperiale da far saltar fuori. Ora, se scrivi quel tipo di romanzi, non è che puoi buttar lì delle idee a caso: volente o nolente tocca fare i conti con chi è venuto prima di te.
Tanto per dire: levatevi dalla testa di fare un romanzo su Cesare, ce ne saranno seicento. Alcuni pure molto belli.
Adriano? Molla lì che ci ha già pensato la Yourcenar.
Giuliano l'Apostata? L'ha fatto Al Gore.
Nerone? E' appena uscito un (gran bel) libro di Franco Forte sul rogo di Roma e tutto il resto.
Ah, va be', ma allora potremmo scrivere una storia su personaggi che hanno a che fare con l'Impero o con la fine della Repubblica, ma che non vengono investiti direttamente della porpora.
Tipo?
Cicerone! Ganzo, no?
No, ci ha giò scritto una trilogia Harris.
E se provassimo a raccontare qualche episodio della storia di Roma, una di quelle storie militari che conoscono tutti. Tipo, che ne so? Le guerre puniche?
Le ha già raccontate Franco Forte (un vero esperto del genere) nel suo romanzo su Annibale.
La rivolta di Spartaco? Gli schiavi di Capua in subbuglio? Fico, no?
Fichissimo! Sai come si chiama il penultimo romanzo di Marcialis?
Non ne ho idea...
Spartaco il gladiatore
...
Ecco.
Tanto per dire che non è che uno si mette lì e dice: cià che scrivo il Romanzo di Roma...
La ricerca parte assai prima di cominciare a sfogliare i documenti.
Un'idea, a dire il vero, io ce l'avevo. Ma mi pareva troppo bella perché nessuno ci avesse fatto un libro fino ad ora.
Costantino: l'Imperatore Santo, il primo monarca cristiano della storia di Roma.
Roba forte, di sicuro non sono il primo stronzo a cui vienein mente di mettere in pagina la sua vita.
E così comincio a spulciare IBS alla ricerca di qualche precedente.
Nulla.
Poi passo ad anobii.
Ancora nulla.
Infine bivacco per giorni in diversi forum di appassionati di letteratura d'ambientazione antica e ho la conferma: sa Dio perché, ma nessuno, negli ultimi trent'anni, ha scritto un romanzo sull'orgoglio d'Illiria.
Perfetto! Meraviglioso! Magnifico!
E' la mia occasione, mi metto subito al lavoro sulla sinossi.
Ma appena comincio a sfogliare qualche manuale - giusto per farmi un'idea del ragazzone di cui dovrò raccontare le gesta - non c'impiego molto a capire il perchè della clamorosa mancanza .
Potrei menarvela con gustosi panegirici sulla complessità del personaggio e le sue molteplici sfaccettature, ma la realtà è un'altra. Nonostante Costantino sia stato uno tra gli Imperatori più importanti della storia romana, nonostante abbia regnato a lungo (trent'anni e fischia, un vero record) e abbia fatto cose straordinarie (tipo riunificare l'Impero dopo la ripartizione tetrarchica voluta da Diocleziano), su di lui esistono pochissime fonti.
E quasi esclusivamente partigiane. O fortemente avverse.
Immaginate che uno scrittore del futuro voglia scrivere un romanzo su Silvio Berlusconi avendo a disposizione solo i libri di Bruno Vespa e due vecchi numeri dell'Unità. Questa è più o meno la situazione in cui si è trovato chiunque abbia provato a raccontare la storia del santo figliolo di Costanzo Cloro. Ora capite perché diavolo non ci sono romanzi su Costantino in circolazione?
Ma ormai ero già troppo avanti per tirarmi indietro.
Avevo sussurrato l'idea in Rizzoli e gli editor e il direttore della narrativa erano a dir poco entusiasti. Dunque toccava tirar fuori una sinossi come si deve e un capitolo di prova coi controcazzi, non c'erano santi.
Mi consultai con mia moglie, che di mestiere insegna latino e storia antica e lei mi ammonì: "Guarda che i lettori di romanzi storici non sono abituati a certi eccessi. Non è che puoi fare uno dei tuoi soliti libri, tutto sangue e morti ammazzati. Gli piglia un colpo!"
"Dici?", bofonchio incredulo fissando il vuoto.
"Ma certo!", fa lei "Metti giù una cosa stile Le memorie di Adriano. Letteraria, colta, magari persino un po' menosa, lenta, cervellotica. Vedrai che funziona!"
E io le do retta: butto giù due paginette di sinossi potentemente letteraria, colta, lenta, con tutti gli orpelli noiosi che generalmente, in un romanzo, mi fanno cacare. Ma lo faccio con molto rispetto e sincera devozione, dal momento che mi sto approcciando per la prima volta a un genere che non è il mio.
Consegno il tutto all'editore e intanto mi arrovello sul capitolo di prova: "Mah, forse dovrei scrivere del battesimo in punto morte... o magari del Concilio di Nicea! Un bel pippone di cinque o sei cartelle pieno di riferimenti storici, senza azione, con delle riflessioni profonde sull'eresia e la teologia dei padri della Chiesa..."
Nel frattempo in Rizzoli leggono la sinossi e mi chiamano: "Guarda,", mi dice il boss "forse non ci siamo capiti... Se abbiamo chiamato te per questo romanzo e non una clone ultranovantenne di Liala è perchè vorremmo un po' d'azione, Cristo Santo. Hai presente 300? O Spartacus Blood & Sand? Ecco! Vogliamo Hollywood, non la fottuta Marguerite Yourcenar..."
E' esattamente in quel momento che mi brillano gli occhi.
Ci impiego un secondo a sentirmi a casa.
Rispondo deciso, senza pensarci due volte: "Scusa, amico. C'è stato un malinteso. Ma non ti preoccupare, ho io quello che ci vuole per te. Dammi un paio di giorni..."
Il boss è un tipo a posto, mi serve un secondo giro di carte e alza la posta: "Ok, ma voglio un capitolo di prova come si deve."
"Nessun problema" faccio io.
Aggancio e mi metto a fare quello che so fare meglio.
I miei lettori più accaniti sanno che non sono di certo uno chef raffinato, ma so cucinare un paio di piatti da leccarsi i baffi. Da queste parti le specialità della casa sono robuste scene di sesso e sanguinose battaglie di massa.
Siccome non mi pare sufficientemente ficcante presentarmi al mio nuovo editore con cinque-sei cartelle di cavalcate furibonde e orge dall'indimenticabile sapore mediterraneo (per quelle ci sarà ampio spazio all'interno del romanzo, non disperate), scelgo l'opzione numero due.
Costantino, in trenta e passa anni di onorata carriera, di battaglie ne ha combattute parecchie: non si diventa padroni del mondo senza spedire carrettate di nemici al Creatore.
Ce n'è una, però, che ricordano persino i ragazzini delle medie: la merdosa battaglia di Ponte Milvio. Roma, 28 ottobre 312: mazzate a strafottere, la visione, il monogramma del Cristo sugli scudi, in hoc signo vinces e tutto il resto.
L'evento centrale dell'intera storia di Costantino: ecco la storia che voglio raccontare. Per riscattarmi dalla figuraccia della sinossi spompa e melensa, decido di giocarmi subito il carico pesante.
Ce la metto tutta, racconto di schinieri che brillano al sole e ciocchi di cavalli impazziti. Lame, sangue, gladiatori, colpi bassi.
Rileggo, limo e spedisco, invocando la grazia del Sole Invitto.
Un paio di giorni d'attesa e il boss mi richiama: "Ok, adesso ci siamo. Ti sei appena guadagnato un contratto."
Così parte l'avventura. L'estate finisce in fretta e io comincio a studiare. Chiudo nel frattempo un paio di progetti in sospeso, mio figlio finalmente viene al mondo, me ne vado in America. Ma nel frattempo passo un sacco di ore con la testa nei libri. Setaccio le fonti antiche, rispolvero quel poco di latino che mi ricordo dal liceo, mi faccio dare una mano da un paio di amici che sanno il greco. Leggo gli antichi cronisti, gli agiografi, i detrattori: Eusebio di Cesarea e Zosimo su tutti. Consulto gli studi più recenti, incappo in riletture punk della vita dell'Imperatore (quel fascio spocchioso di Burckhardt), studi dottissimi e pacati (Marcone), ottime e documentate biografie (Horst). Approfondisco allo spasmo i costumi del IV secolo, imparo a giocare agli aliossi, apprendo la disciplina militare tramite noiosissimi trattati sulla corretta disposzione dell'esercito, stilo una scaletta mostruosa del romanzo : 88 pagine di Word.
So tutto quello che succede, in ogni singolo secondo del libro.
Se c'è una scena in cui Costantino scoreggia, ho un documento dell'epoca che mi racconta quante volte e in compagnia di chi.
Una volta terminata la fase uno, sottopongo il malloppo all'editore.
Il boss e la sua squadra ci impiegano un po' a leggere e vagliare, ma alla fine sono contenti.
Così contenti che mi dicono: "Ok, ragazzo. Mettiti sotto e sfornaci questo benedetto romanzo. A ottobre dobbiamo essere in libreria."
E' l'inizio di marzo.
Dunque, per rispondere alla domanda che dà il titolo al post, ecco che diavolo ho fatto negli ultimi tre mesi: HO SCRITTO.
20-25.000 battute al giorno, sei giorni a settimana. A volte sette.
Un milione di battute in poco meno di tre mesi.
Per consegnare a fine giugno, per essere pronti per l'uscita ad ottobre.
Grazie a Dio, nel frattempo son successe tante belle cose.
Il mio lavoro è piaciuto così tanto a Rizzoli che hanno deciso di farmi subito altri due contratti.
Si è inoltre stabilito, insieme, di dare un po' di respiro all'opera e ritardare l'uscita alla primavera 2012. Di modo da avere il tempo di aggiustare, rileggere, tagliare, incollare, limare, temperare...
Già, perchè la prima stesura è finita. Finita da tre giorni esatti. E ancora non mi sembra vero.
Adesso, però, inizia il lavoro vero: occorre infilare il malloppo in una pressa e cavarne fuori un romanzo snello, agevole, deciso. Occorre sfoltire i fronzoli, acconciare le sbavature, sopprimere le escrescenze , mondare il linguaggio, pettinare la prosa.
In una parola: occorre dell'editing con un bel paio di palle.
Lo dice pure King: scrivere è umano, editare è divino.
Dunque passo volentieri la palla a chi ne sa più di me e guardo le cose con distacco, in attesa del risultato finale.
Tutto ciò che posso dire è che è stata una straordinaria avventura.
Mi sono divertito come un matto a passare tre mesi con quell'energumeno di Costantino: l'ho visto crescere, diventare uomo, prendersi ciò che (non) gli spettava di diritto. Ho avuto paura per lui, mi sono preoccupato, ho amato le sue donne e odiato i suoi nemici.
Sono stato al suo fianco fino alla fine. Abbiamo percorso spalla a spalla tutta la strada, hasta l'ultimo miglio.
Ora è tempo di lasciarlo andare.
Non ho idea dell'effetto che questo romanzo farà sui miei lettori più affezionati.
Ma ho la sensazione che non vi lascerà indifferenti.
Quella del virgulto d'Illiria non è di certo una storia italiana (si svolge per lo più in Oriente, nel IV secolo Roma non è più il baricentro dell'Impero da un pezzo), nè l'epopea d'un cattivo. Costantino non è proprio uno stinco di santo, ma al confronto con Sterling temo che farebbe la figura della femminuccia.
E' di sicuro una storia sul potere. E sul suo legame indissolubile col più potente degli afrodisiaci di Stato: la religione.
E' una storia di violenza, soprusi, sesso e prevaricazione (che ve lo dico a fare?)
E' una storia di guerra (una guerra coi controcazzi...)
Di sicuro è il romanzo più impegnativo e più ambizioso che abbia mai scritto.
Soprattutto perché, quando ho iniziato a scriverlo, ero solo un semplice appassionato di storia, con la testa imbottita di pregiudizi da "sandalone" anni Cinquanta.
Ringrazio Michele Rossi (il boss) e tutto lo staff di Rizzoli (Stefano Izzo, Viola Vastola e Gemma Trevisani), che mi sono stati vicini fin qua e che mi staranno ancora più vicini ora che comincia la parte più difficile del lavoro.
Ringrazio Costantino, vecchio bastardo dal cuore spezzato, per avermi insegnato che persino l'ultimo degli esclusi può immaginare di salire in cima al mondo.
Ma soprattutto, come sempre, ringrazio tutti voi per aver mantenuto viva la curiosità in questi mesi, per aver seguito in diretta la stesura su facebook (ho aggiornato il numero di battute di giorno in giorno) e per aver avuto pazienza fino ad ora, non sapendo che cosa diavolo sarebbe saltato fuori dalla mia fucina.
Da qui in avanti, è tutta in discesa. Ancora parecchi mesi ci separano dall'uscita del volume (ve l'ho detto, sarà in libreria la prossima primavera). Ancora non c'è una copertina nè un titolo (per il momento c'è solo un woking title, L'AQUILA E LA CROCE, che potrebbe cambiare), ma ogni piccolo tasselo che verrà aggiunto al mosaico sarà reso pubblico in tempo reale, promesso.
Nel frattempo, godetevi l'attesa e lucidate l'elmo.
A marzo si scende nell'arena.

martedì 14 giugno 2011

Gli appuntamenti dei prossimi giorni

Care amiche e cortesi amici,
vi sto trascurando, lo so. E me ne dolgo. Tuttavia c'è una giustificazione: sto lavorando come un matto al romanzo nuovo, quasi giunto (se Dio vuole) al capolinea. Per fine mese dovrei vedere la luce. Per fine luglio dovremmo essere definitivamente fuori dal tunnel.
Nel frattempo son successe un sacco di cose meravigliose da queste parti: la mia città, dopo due giri consecutvi d'amministrazione leghista, è finalmente libera. Abbiamo vinto le elezioni: è la prima volta che mi capita, in tanti anni d'onesto votare. E ieri si è pure portata a casa la battaglia referendaria: insomma, c'è di che festeggiare e noialtri si festeggia di brutto da giorni e giorni. Aggiungeteci poi che la squadra locale è addirittura finita in serie A (e qui io faccio un passo indietro sul gaudio e sul tripudio, considerando che tifo Pro Vercelli, nemico storico del Novara Calcio, dai tempi dei tempi) e potete farvi un'idea del clima che si respira da queste parti.

Ma non è tutto: quando arriva l'estate esplode la stagione dei festival letterari e sono plurime le occasioni di mettersi in pista con la Sarasso Mobile (da tempo ormai commutata in Albertino Mobile, con tanto di seggiolino, tendine giocattolesche, ninnoli et coetera).
Pochi giorni fa sono stato a Torre Pellice a presentare, all'interno della rassegna UNA TORRE DI LIBRI (se volete saperne di più, cliccate il bannerino sotto gli header del sito), il professor Alessandro Barbero, autore de GLI OCCHI DI VENEZIA (Mondadori 2011). E' stata una grande gioia per il sottoscritto, vuoi perchè il romanzo è veramente una bomba atomica (leggetelo, non ve ne pentirete!), vuoi, soprattutto, perché Alessandro è stato mio docente di Storia Medievale ai tempi dell'università. Ritrovarsi su un palco a parlar di libri è stata una bellissima sensazione.
Per l'invito al festival (duplice invito, in realtà: sarò di nuovo a Torre il 23 luglio a presentare il dinamico duo Michael Jacob + Daniela De Gregorio, che insieme diventano l'autore di polizieschi storici MICHEAL GREGORIO) e la meravigliosa ospitalità devo ringraziare i miei amici Massimo e Stefano Gnone, che ogni anno organizzano nella valle valedese una kermesse straordinaria.
Questo succedeva sabato scorso. Sabato prossimo, 18 giugno, invece, sarà tempo di bevute e chiacchiere letterarie al MILANO IN BIONDA, consueto appuntamento meneghino organizzato dall'ottimo Paolo Roversi, che mi vedrà ospite insieme a un monte di scrittori (e scrittrici). Tutti i dettagli nella locandina qua sotto.



Il 22 giugno, invece, sarò a Siena, ospite dell'Arci. Anche qui c'è una bella locandina che vi spiega tutto.



Il 24 giugno, infine, farò rotta verso Bassano del Grappa, per aprire il Piccolo Festival. Qui trovate il programma completo. Nel frattempo, lustratevi gli occhi con la ganzissima locandina dell'evento.


Ci sarebbe molto altro da dire, riguardo al libro in lavorazione, soprattutto, e alle letture fatte in questi mesi. Ma il tempo, ahimé stringe come pochi.
Prometto solennemente di tornare ad approfondire quanto prima.
In extremis, però, vi lascio un suggerimento letterario: ALVERARE, di Giuseppe Catozzella. Davvero un gran bel libro.